Nurse Holding Elderly Patient's HandI pazienti che devono affrontare una malattia complessa, come ad esempio il cancro, spesso perdono le sicurezze su cui hanno fondato il loro equilibrio di una vita e possono aver bisogno di un aiuto professionale per affrontare la malattia durante le diverse fasi.

Infatti, il disagio manifestato in questo momento, spesso non dipende da un disturbo psicopatologico, ma dal trauma provocato dalla malattia.

Il lavoro viene svolto elaborando il momento di crisi, attraverso cui avviene la presa di coscienza, su diversi livelli, della situazione clinica, psicologica, dell’impatto della malattia sulla qualità di vita.

Obiettivo principale degli incontri è tentare di ritrovare soluzioni di adattamento alla nuova situazione di malattia acuta o cronica.

I colloqui psicologici tendono a considerare la condizione psichica del paziente e la sua personalità, individuando eventuali tratti che possono ostacolare le modalità di adattamento alla situazione di malattia, le risorse interiori del paziente, le resistenze, i meccanismi difensivi, le strategie di adattamento abitualmente utilizzate di fronte alle situazioni problematiche.

Un’ulteriore attenzione è posta all’impatto psicologico della diagnosi, della malattia e delle terapie e alla qualità della “rete” familiare e sociale.

Il sostegno del paziente con una patologia e della sua rete familiare ha un’importanza fondamentale nel percorso terapeutico del paziente e ad essa è rivolto parte dell’intervento psicologico clinico: la possibilità di un supporto psicologico specifico riguarda la gestione dei propri vissuti di impotenza nell’attesa che le terapie abbiano successo, l’individuazione dei sensi di colpa che rendono difficile la comunicazione e la relazione tra malato e familiare, durante il periodo di malattia del paziente e la difficile accettazione della ripresa, spesso lenta, delle attività quotidiane dopo la terapia.